Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





riparazione lavastoviglie
riparazione lavastoviglie

Elettrodomestico rotto: come muoversi per ripararlo?

Far riparare un elettrodomestico può apparire come una cosa semplice, come fondamentalmente può e dovrebbe essere, ma l’argomento in questione ha alcune varianti da analizzare.

Una di queste è l’argomento tempo. Un elettrodomestico ancora in garanzia si rompe e lo si porta a riparare dove lo si è acquistato. Qui non sempre sono attrezzati per la riparazione, più comunemente l’elettrodomestico stesso viene mandato in riparazione in luoghi appositi rappresentati dai centri di assistenza tecnica delle più importanti case produttrici di elettrodomestici come ad esempio Bosch, Whirlpool, Candy, Siemens e così via. Questi centri di assistenza per riparazione elettrodomestici a Torino, Napoli o Roma che sia per quanto possano essere distribuiti in maniera capillare sul territorio italiano, devono comunque essere contattati, cercati e poi raggiunti per preventivare e poi pagare la riparazione del forno, lavatrice oppure frigorifero della nostra cucina. Questo inoltre può creare un tempo di attesa che a volte non è decisamente fastidioso e ciò comporta restare senza l’elettrodomestico stesso per tutto il tempo.

Discorso diverso se la garanzia è ormai scaduta, qui bisogna rivolgersi a tecnici specializzati nel settore, e la faccenda prende una piega diversa, perché bisogna cercarseli e non è detto che sia la cosa più semplice di questo mondo trovarli. Non che sia impossibile, intendiamoci, solo che non sono tra i negozi più comuni che si trovano in giro. Bisogna poi vedere se fanno un servizio a domicilio oppure bisogna portare il nostro elettrodomestico presso il loro laboratorio, cosa che anche qui comporta qualche disagio.

Se si è tra i fortunati che posseggono conoscenze di elettrotecnica discrete o avanzate si può pensare di riparare da soli il nostro elettrodomestico guasto e magari questa potrebbe essere la soluzione migliore.
Ma anche qui ci sono delle variabili che possono essere rappresentate dalla mancanza di pezzi di ricambio o il non sapere dove trovarli, o ancor peggio che il guasto sia di entità superiore alla propria conoscenza o capacità, e in questo caso ci si troverebbe punto e a capo!

Quindi che si potrebbe ritrovare nella situazione in cui si è perso tanto tempo per cercare di rimettere in moto la lavatrice o il frigorifero, e alla fine scoprire di non poter eseguire la riparazione per mancanza di pezzi di ricambio, oppure perché la centralina elettronica si è inceppata, oppure nei casi peggiori il motore è da sostituire. Il consiglio è quindi rivolgersi a tecnici suggeriti da amici e conoscenti, quindi persone che hanno dimostrato la loro competenza e la loro onestà e di cui si possiamo senz'altro fidare relativamente alle loro valutazioni e ai loro consigli.

La cosa migliore sarebbe farsi dare il biglietto da visita, il sito Internet o il numero di telefono prima che si verifichi il guasto, in modo tale da non dover gestire anche quest'incombenza ulteriore in una fase in cui siamo già pressati magari dal fatto del non disporre del nostro frigorifero o della nostra lavatrice.

Esiste poi pure il fenomeno detto “obsolescenza programmata”, il che sarebbe un meccanismo creato da certe aziende che allo scadere del tempo della garanzia il proprio prodotto si guasti e non sia più riparabile o lo sia ad un costo quasi proibitivo, il che costringerebbe l’acquirente a comperare di nuovo lo stesso prodotto o una versione di questo più avanzata. 


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!