Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





bici elettrica
bici elettrica

3 differenze tra bici elettrica e bici tradizionale

Il termine bici elettrica indica generalmente due macro categorie di bici: l’e-bike e il pedelec. L’e-bike è un tipo di bici simile al motorino e funziona anche senza l’uso massiccio dei pedali. Mentre il pedelec è una bici molto simile a quella tradizionale, ha un motore di potenza superiore ai 250W e consente di raggiungere la velocità assistita di 25km/h (è possibile raggiungere velocità superiori solo contando sulla forza delle proprie gambe). Ma quali sono gli elementi principale che differenziano le bici elettriche dalle bici tradizionali? Ve lo spieghiamo in questa guida.

Posseggono un motore

Le bici elettriche sono dotate di un kit composto, nelle versioni più semplici, di batteria, centralina e motore. I motori elettrici possono essere di due tipi: motori elettrici a mozzo o a movimento centrale. I motori a mozzo sono posizionati anteriormente o posteriormente alla propria bici (hub anteriore o hub posteriore). In tal caso la decisione sul loro posizionamento viene sempre presa dalla casa produttrice. Questi tipi di motori sono ideali per attraversare le pendenze in bici, ed hanno un consumo molto basso rispetto ai motori delle auto; sono però al contempo poco resistenti alle sollecitazioni come urti e vibrazioni. Una seconda categoria di motore è quella del motore elettrico a movimento centrale: di dimensioni più grandi rispetto al motore di mozzo, il motore centrale viene posizionato sul telaio, vicino ai pedali e permette il loro sfruttamento per il cambio di marcia.

Posseggono una batteria

Le batterie della bici elettrica sono, anche in questo caso, due: batterie al piombo e a litio. Le batterie a piombo sono quelle con minore autonomia e per questa ragione sono attualmente poco utilizzate. Le batterie a litio, invece, sono più piccole rispetto a quelle a piombo e con una maggiore leggerezza. Questo tipo di batteria ha un costo superiore rispetto alle altre ma hanno anche una maggiore autonomia. Difatti, si stima che questo genere di batteria possa percorrere dai 40 ai 60 km, anche se il dato può variare in base allo sforzo che viene compiuto dal ciclista sui pedali.

I motori hanno i sensori di potenza

I sensori di potenza di una bici elettrica possono essere due: sensori di cadenza, che incidono sulla potenza del motore della bici, sulla base del movimento dei pedali; e i sensori di sforzo, che permettono di regolare la pressione sul pedale fondamentale per la potenza che viene trasferita sul motore.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!