Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





pignoramento
pignoramento

Si può evitare il pignoramento della casa?

Il pignoramento purtroppo, è una fase della procedura inevitabile, quando si hanno uno o più debiti verso qualcuno. L’iter burocratico è sempre lo stesso: decreto ingiuntivo, atto di precetto, pignoramento e successiva vendita all’asta. Ci sono tre procedure che vengono messe in atto prima del pignoramento, ma gli avvocati sanno che generalmente nessuna delle 3 è efficace. La 3 fasi sono: la rinegoziazione del debito, l’opposizione ed il saldo a stralcio. La rinegoziazione del debito non è una cosa semplice e probabilmente la si accetta perché, di fronte ad un direttore di banca, si ha sempre timore di quello a cui si può andare incontro e solitamente si accettano anche delle condizioni altrimenti improponibili.

 

Se già precedentemente non si era in grado di sostenere una rata mensile di un certo importo, con la rinegoziazione del debito, ci si ritrova infatti a doverne pagare 2 o 3 nello stesso mese. Altrimenti la cifra della rata viene addirittura triplicata. Inoltre, chi pensasse di fare un consolidamento del debito, sappia che si tratta sempre e comunque di un mutuo o di un finanziamento e quindi se si è segnalati alla  centrale rischi, CRIF, difficilmente questo verrà erogato. L’opposizione è proponibile solo in 2 casi. Una delle 2 eventualità è che l’importo che si deve pagare sia sbagliato, l’altra è che ci sia stato un errore di notifica, ovvero una notifica di ingiunzione verso la persona sbagliata. In questi casi un bravo avvocato fa opposizione, anche se la procedura si riesce ad interrompere solo per breve tempo, qualche settimana, al massimo 2 mesi, ma poi ricomincia ed il risultato è quello di non aver risolto niente e di aver sborsato soldi in più per le spese legali.

 

Per il saldo a stralcio del debito servono presupposti favorevoli e soprattutto denaro subito. Tante persone pensano di poter effettuar un saldo a stralcio a rate. Ma naturalmente non è possibile anche perché altrimenti si chiamerebbe “rateizzazione” a stralcio. Servono presupposti favorevoli, perché praticamente il saldo a stralcio non lo accetta nessuno quando ci sono dei beni che coprono largamente un debito: difatti non conviene accettare di meno quando si può avere tutto. In sostanza evitare il pignoramento non è proprio possibile. L’unica soluzione è quella di fare una donazione o ancor meglio, visto che non è così semplice revocare un atto di vendita, vendere la proprietà, così la casa viene intestata ad un altro proprietario ed il pignoramento non è più possibile.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!