Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





organizzare un trasloco
organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco senza traumi per i bambini

Soprattutto da un punto di vista psicologico il fatto di traslocare in un’altra abitazione è sicuramente una fonte di stress anche se, una volta terminato, assicura grande soddisfazione e anche un senso di rinascita. Se si deve traslocare in una grande città come Roma o Milano, ci sono varie ditte specializzate che offrono servizi completi: praticamente fanno tutto loro, dallo smontaggio dei mobili al successivo rimontaggio. Le famiglie però, rispetto ai single e alle nuove coppiette, hanno sicuramente qualche problema in più; infatti organizzare un trasloco quando ci sono di mezzo dei bambini non è una cosa da sottovalutare e non solo dal lato pratico, perché bisogna anche aiutarli ad adattarsi.

 

Oggi volevo darvi alcuni consigli e suggerimenti per far passare questa esperienza ai bambini senza particolari traumi. La prima cosa da fare sicuramente è coinvolgere i bambini nel trasloco, quindi portarli a visitare la nuova casa oppure mostrare la nuova abitazione in fotografia, può aiutarli a stare su di morale e anche nella scelta dell’arredamento della loro cameretta devono dire la loro. Cercare sempre di trasmettere serenità e cercare di far apparire ai bambini il cambio di casa come un’avventura; evitare di lasciar trasparire ansia, nervoso e stress anche se in queste situazioni si può essere colti da crisi di panico. Se è possibile cercare di far terminare l’anno scolastico ai bambini, così a settembre l’inserimento sembrerà naturale anche ai nuovi compagni di scuola. Sarebbero da evitare le feste d’addio, perché lasciano dentro solo tristezza e se il bambino è sotto i 5 anni dimenticherà in fretta i vecchi amici e se ne farà subito di nuovi.

 

Vanno bene però le comunicazioni per email e cellulare con i vecchi amici e il bambino anzi sarà da incoraggiare in questo senso. I bambini vanno accompagnati a conoscere il nuovo quartiere, perché possano imparare il prima possibile il nuovo percorso per andare a scuola e al parco; una bella festa di benvenuto con i bambini del quartiere sarebbe sicuramente d’aiuto. I bambini vogliono sempre sapere la verità e probabilmente vorranno sapere il motivo del trasloco; consiglio in questi casi di sempre di essere sinceri e di parlarne sia prima che durante il trasloco per mettere i bambini a loro agio. D’altronde il trasloco è davvero un’avventura, che se organizzata bene e in modo intelligente, può addirittura diventare piacevole e divertente; bisogna solo saper distribuire le cose da fare in base al tempo che si ha a disposizione e tutto filerà liscio come l’olio.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!