Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





Omega 3 e gravidanza
Omega 3 e gravidanza

Omega 3 e gravidanza. Cosa bisogna sapere ?

Prima di entrare nel vivo dell’argomento Omega 3 gravidanza , è bene fare un breve ripasso sugli Omega-3, ossia acidi grassi polinsaturi che apportano moltissimi benefici alla nostra salute. Il nostro sito si chiama 3omega3, proprio, in relazione al fatto che gli Omega 3 sono 3:

ALA che troviamo nei vegetali e DHA ed EPA presenti nelle fonti animali (esattamente nel grasso dei pesci, di piccola taglia, che popolano i mari freddi). Questi ultimi sono i più importanti tra gli Omega 3.

Adesso entrando nel cuore di Omega-3 gravidanza, andiamo ad esaminare l’importante azione svolta dagli Omega-3 in questa fase importantissima della vita di una donna, in particolare soffermandoci sui benefici che riceve il feto e la madre stessa.

Un’alimentazione ricca di Omega 3 durante la gravidanza è fondamentale, poiché sostiene lo sviluppo cerebrale del feto, aumenta la capacità cognitiva del bambino e migliora le sue funzioni visive. Il feto, nutrendosi tramite il cordone riceve dalla madre il nutrimento, compresi gli acidi grassi così importanti per il suo sviluppo.

Per questa ragione la madre deve aumentarne l’assunzione durante i nove mesi di gestazione, o con l’alimentazione o attraverso integratori di DHA (una carenza di DHA può causare depressione post partum). Un disturbo molto diffuso è quello relativo alla depressione post partum. Molte donne, dopo il parto, manifestano disturbi mentali (90.000 solo in Italia), di queste il 70-80% presenta sintomi lievi e transitori di malinconia e depressione ( “baby blues”), mentre il 10-15% manifesta sintomi depressivi molto più gravi, che durano dai 3 ai 9 mesi dopo la nascita del bambino.

Diversi studi hanno mostrato l'esistenza di un legame tra la carenza di Omega-3 e un maggiore rischio di soffrire di depressione post-partum, documentando l’effetto protettivo del DHA sul rischio d'insorgenza della depressione perinatale, grazie alla sua azione antinfiammatoria.

Omega 3 gravidanza: alimentazione della futura mamma

La futura madre, in accordo col proprio ginecologo, deve stilare una tabella alimentare, naturalmente ricca di alimenti contenenti Omega 3, da seguire rigorosamente nel corso della gravidanza. Questa deve comprendere in primis il pesce ( salmone, alici, sgombro, sardine, insomma il pesce azzurro) e poi anche alimenti vegetali (spinaci, semi di chia, broccoli, noci, mandorle…).

Spesso il cibo, però, può non essere sufficiente a dare il giusto apporto di acidi grassi, in questi casi, è possibile ricorrere agli integratori alimentari di Omega 3, abbondantemente presenti in commercio (farmacie, siti internet, erboristerie ecc.), facendo, però, attenzione a scegliere un integratore di qualità, che abbia al suo interno almeno il 60% di DHA ed EPA.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!