Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





Tricopigmentazione
Tricopigmentazione

Tricopigmentazione: coprire la calvizie con un tatuaggio

Combattere la calvizie con l'aiuto dei tatuaggi è una tecnica esistente. Infatti, molte persone per risolvere questo inestetismo, tendono ad adottare questa tecnica e cura innovativa è decisamente molto veloce.

Si tratta della tricopigmentazione che prevede in pratica l'introduzione nello strato dermico di una serie di pigmenti di tipo atossico e anallergico, che riproducono l'effetto capelli rasati.

Questa tecnica va a coprire le zone colpite dal diradamento dei capelli ottenendo otticamente una sorta di effetto densità e quindi si avrà l’illusione di un infoltimento immediato dando alla persona che decide di adottarla un risultato realistico e decisamente molto naturale che darà l'idea della ricrescita dei capelli. È molto difficile accorgersi, per chi non è esperto, del trattamento che è stato effettuato e bastano 2 sedute per cambiare il rapporto che si ha relativamente alla caduta dei capelli.

Tipologie di tricopigmentazione

Esistono diversi tipi di tricopigmentazione, ma la distinzione principale vede sostanzialmente il trattamento permanente e quello semipermanente:

  • tricopigmentazione permanente: consiste in un tipo di trattamento che rimane invariato nel corso degli anni senza doversi preoccupare di andare a fare delle revisioni di tipo annuale ma al massimo ogni 4-5 anni. In pratica durerà “per sempre” ma in caso di problemi sarà necessario ricorrere al laser per eliminarla.
  • tricopigmentazione semipermanente: si tratta di una serie di interventi che vengono fatti sempre nello strato dermico con l'aiuto di pigmenti atossici anallergici che però vengono poi riassorbiti nell'arco dei 12 o 24 mesi. Questo tipo di intervento prevede una serie di manutenzioni annuali ed quindi è molto più difficile da gestire ma da il vantaggio di scomparire totalmente nei termini indicati quindi anche in caso non si fosse più soddisfatti, basta semplicemente attendere.

Chi può fare la tricopigmentazione?

La tricopigmentazione è anche una soluzione integrativa e migliorativa anche per coloro che hanno effettuato un trapianto ma presentano ancora zone con copertura non ottimale. Ma va bene in genere per qualunque tipo di cliente o per qualunque tipo di pelle ed ha un effetto rasato che comunque va molto di moda e decisamente fa tendenza, dando alle persone che soffrono di calvizie, un'alternativa per cercare di combattere il problema senza però andare a fare degli interventi di natura decisamente troppo invasiva.

Questo trattamento infatti, riproduce l'effetto densità follicolare nelle aree svuotate della calvizie e permette di dare un risultato comunque soddisfacente, in grado di garantire un rapporto migliore da un punto di vista sociologico e sociale, con il problema della calvizie che purtroppo è stato riscontrato.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!