Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





Dati Istat
Dati Istat

Dati Istat 2014, disoccupazione e occupazione

A luglio sono usciti i dati ISTAT su ripresa e occupazione, e la fotografia è tutt’altro che rosea. Vi mostriamo per voci specifiche i vari dati emersi su occupazione e disoccupazione:

  • DISOCCUPAZIONE: 12,6%, in aumento di 0,3 punti rispetto al mese precedente
  • STIME SUL N° DI POSTI PERSI AL GIORNO: Circa 1000
  • DIVARIO TERRITORIALE E DI GENERE: Aumentano le donne disoccupate e aumenta anche il divario territoriale si passa dall’8,4% del Nord al 20,3% del Sud.
  • PER ETA’: la disoccupazione delle persone che vanno dai 15 e arrivano ai 24 anni risulta essere del 42,9%, in riduzione di 0,8 punti percentuali rispetto al mese di Giugno ma in aumento di 2,9 punti nel confronto tendenziale. I non occupati tra i 15 e i 24 anni sono 705 mila.
  • CONTRATTI:  Sempre in aumento i posti di lavoro part-time involontari. L’unico dato con un più è quello del lavoro precario infatti dopo cinque trimestri di calo, è in aumento la crescita dei dipendenti a termine (+3,8%, pari a 86.000 unità) a questo dato si accompagna la diminuzione dei collaboratori (-8,3%, pari a -36.000 unità). Questi dati evidenziano come il lavoro sia frammentato e perché si sia approdati “in bocca” alla deflazione, se gli stipendi sono quello che sono è logico che anche il carrello della spesa sia vuoto.

Da tempo ormai, esattamente dall’inizio di questa crisi del capitalismo, sentiamo e leggiamo termini come: Recessione, Deflazione e Svalutazione Ma molte-i non sono esperti in economia e quindi pur capendo che ci troviamo dentro una crisi che sembra non dover terminare entro breve, nello specifico taluni termini non vengono compresi appieno quindi andiamo ora a spiegarli con parole semplici. RECESSIONE: E’ legata alla perdita di lavoro perché nel sistema capitalistico quando diminuisce la produzione di beni e servizi questo porta al calo progressivo del lavoro, quindi il lavoro è una variabile dipendente della produzione anche quando questa crea prodotti inutili.

Il processo di recessione indica l’abbassamento della produzione secondo i canoni del PIL (prodotto interno lordo). DEFLAZIONE: Quando la richiesta di beni e servizi cala le economie di stampo capitalistico ricorrono alla deflazione ovvero al progressivo abbassamento dei prezzi dei beni e servizi. In un economia suddivisa in classi tale processo significa che intere popolazioni si stanno impoverendo, e che quindi il consumo (questo interessa alle economie) si abbassa. SVALUTAZIONE: Perdita di valore di una moneta, riguardo alle merci si può adottare lo stesso termine quando avviene la perdita di valore, quindi si può riferire ad entrambe le cose, merce e moneta. Fonte: http://www.cambiovaluta.net/


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!