Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





Consulenza per indennizzo malasanità
Consulenza per indennizzo malasanità

Come ottenere l'indennizzo da epatite post-trasfusionale

Nonostante dal 1988 siano ben chiare le responsabilità delle strutture sanitarie ed i controlli che esse devono scrupolosamente effettuare sul sangue dei donatori, continuano a capitare casi di epatite post-trasfusionale.

Spesso, per errore o per poca accortezza, del sangue infetto sfugge al controllo, andando a causare danni gravi ai pazienti che, loro malgrado, si trovano a vivere situazioni decisamente critiche.

Le tempistiche, però, tutelano il paziente che, grazie alla legge 210/92, che all'art.3 comma 1 stabilisce che si hanno tre anni di tempo per rivalersi sulla struttura sanitaria e chiedere un indennizzo per epatite post-trasfusionale.

Le trasfusioni infette, infatti, possono riguardare casi di HIV, ma anche casi di Epatite B (HBC) ed Epatite C (HCV).

La richiesta di risarcimento potrà essere richiesta, in caso di eventuale decesso del paziente, anche da parte dei familiari più stretti, nell'ordine:

  • Coniuge

  • Figli

  • Genitori

  • Fratelli minorenni

  • Fratelli maggiorenni

Familiari che potranno, se il ricorso non venisse accolto, rivolgersi entro un anno al giudice ordinario di competenza.

Se ci si ritrova a vivere una situazione così spiacevole e si vuole ottenere giustizia, facendo valere i propri diritti, non ci si deve fermare di fronte ai dubbi che girano attorno ad una causa legale.

Ottenere una consulenza gratuita on-line è facile e ti permetterà di capire sin da subito le possibilità di successo, avendo modo di scegliere – subito dopo – se e come proseguire. Clicca qui per saperne di più!


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!