Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





storia della cartomanzia
storia della cartomanzia

La storia e la diffusione della cartomanzia

La cartomanzia, o più comunemente i tarocchi, ritengono di poter conoscere cose occulte attraverso la lettura tarocchi comuni o speciali, interpretando e dando un significato ad ognuna di esse, in base ad un sapere che si tramanda da secoli.
Le carte, sono, in realtà un mazzo composto da 78 carte, chiamate anche “lame”, suddivise a lavoro volta in due sottogruppi denominati “Arcani maggiori” e “Arcani minori”.
A seconda dei paesi, delle culture e della tradizione, il mazzo di carte può subire diverse variazioni, assumendo in taluni casi anche significati diversi di luogo in luogo.
La lettura delle carte napoletane, per esempio, molto diffusa nel capoluogo campano, ha visto espandere la sua fama, fino ad essere quella prediletta per determinate richieste, in tutta Italia, poiché considerata più esatta e con meno arbitrarietà nelle interpretazioni.
I Tarocchi furono concepiti inizialmente, come carte da gioco  il loro uso premonitore cominciò a diffondersi a partire dal XVIII secolo, principalmente nella forma italiana.
Solo allora si cominciò infatti a prendere in considerazione la possibile origine esoterica della cartomanzia.
I primi cartomanti furono incantati dal significato figurativo delle carte; e a mano a mano che la conoscenza anche delle scienze, e dei miti dell'antica Grecia si faceva più profonda, cominciarono a crearsi delle vere e proprie comunità, dove si studiavano le carte, i flussi lunari, e le stelle, collegando il tutto ad un potere trascendentale che, si pensa tutt'oggi, influenza la vita degli uomini.
La diffusione, fu poi fomentata dai periodi di crisi economica e sociale, quando cioè, le persone avevano bisogno di conoscere il futuro, poiché torturati da un presente troppo duro e difficile da capire.
Generalmente le risposte sono, ancora oggi, però generiche e velate, proprio perché sia la persona che li interroga a costruirsi la fantasia che preferisce, si lascia cioè la speranza di vedere quello che si desidera, consapevoli del forte condizionamento del proprio stato d'animo e dell'attuale situazione emotiva.
In fin dei conti, molti hanno sostenuto che la cartomanzia, ha in molti casi quella che un tempo fu la funzione principale della religione, ovvero, creare speranze, e dare ancore di salvataggio, ai meno fortunati.
Scettici o meno, ad oggi in molti paesi del mondo la cartomanzia è un vero e proprio business di successo che raccoglie nel suo target tutte le fasce d'età.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!