Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





shopping online
shopping online

Lo shopping online diventa sempre più multidevice

Ormai lo shopping online sta diventando sempre più frequente in diversi paesi del mondo, così come anche in Italia dove ormai sono sempre di più gli utenti che hanno acquistato fiducia negli acquisti in rete.
Sarà per una questione di comodità, di moda, o di convenienza, sarà perché al giorno d’oggi  è stata superata la diffidenza per i pagamenti con carta di credito online, fatto sta che gli acquirenti online da aprile 2011 sono aumentati dell’11%.
Si conta che solo nell’ultimo trimestre del 2012 gli utenti che si sono dati allo shopping online siano stati circa 10.000.
Ma i dati che riguardano gli acquisti in rete non si limitano a quelli inerenti il numero di utenti, piuttosto ciò che ci interessa analizzare al momento sono i dispositivi che vengono utilizzati per fare lo shopping.
Una recente ricerca condotta negli Stati Uniti ha mostrato che due terzi delle persone che hanno preso parte al sondaggio (65%) utilizzano più device per i propri acquisti. Ciò vuol dire che si inizia a cercare il prodotto tramite un dispositivo come ad esempio lo smartphone, si continua ad analizzare i prodotti con i tablet e si completa l’acquisto con il pc. Naturalmente questa è una sequenza altamente indicativa, ciò che è certo è che si sta diffondendo sempre di più l’m-commerce ovvero gli acquisti tramite mobile, tanto che si pensa che quest’ultimo nel giro di pochi anni supererà l’e-commerce.
Ovviamente la sequenza di utilizzo dei device è soggettiva ma il linea di massima si è visto che chi inizia a cercare i prodotti tramite tablet conclude l’acquisto sullo smartphone, mentre chi inizia dal pc termina sul tablet. Ma la possibilità di utilizzare più “schermi” non ha cambiato solo il modo di fare shopping online ma anche di navigare su internet nel quotidiano, di cercare informazioni di ogni genere, di prenotare viaggi e di ascoltare musica, o guardare video online.
Il pc mantiene comunque il privato per operazioni più complesse e “delicate” come ad esempio l’accesso ai servizi bancari.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!