Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





porfido
porfido

Il porfido: l’asfalto dei tempi antichi

Il porfido, pietra naturale di origine vulcanica, ha avuto sin dall'antica un largo impiego nelle pavimentazioni. Lo si utilizzava già in Mesopotamia, la culla delle civiltà, molti secoli prima della nascita di Cristo ed è stato il materiale con il quale sono state lastricate le strade delle nostre città. Se sulle strade ad alta densità di traffico è stato sostituito con il più "liscio" asfalto, nei centri storici la presenza dei classici cubetti è invece divenuta insostituibile: solo il porfido sa conferire quel fascino particolare del passato.

Riservato dunque solo ai centri storici? No, il porfido ai giorni nostri ha trovato un larghissimo impiego nelle pavimentazioni di cortili, vialetti, giardini e, in generale, in tutte quelle aree esterne a cui si vuole conferire anche un aspetto estetico gradevole, dalle scalinate alle terrazze.

La scelta del porfido è quanto mai giustificata dal fatto che si tratta di una pietra molto resistente che non teme praticamente nulla. È capace di resistere al tempo, alle condizioni atmosferiche, anche le più estreme, non teme l'usura e neppure le sollecitazioni fisiche e, in più, ha un aspetto estetico davvero gradevole, sia che si presenti sotto forma di cubetti, piastrelle o lastre. Il fatto poi che si proponga in diverse colorazioni, dal bianco al grigio più o meno scuro, passando anche alle tonalità dell'ocra e del rosso, rende il porfido un materiale che si presta anche per pavimentazioni decorative. È possibile infatti realizzare immagini giocando con i vari colori e il fascino di queste pavimentazioni è davvero unico.

Le pavimentazioni in porfido sono insomma quanto di meglio si possa desiderare per gli esterni, ma ciò a cui bisogna porre particolare attenzione è la posa, soprattutto quando si scelgono i classici cubetti. Se la posa porfido non viene effettuata a regola d'arte, in breve tempo possono formarsi avvallamenti o buche che, oltre a essere antiestetiche, possono provocare rovinose cadute.

Per scongiurare questi spiacevoli inconvenienti, si deve affidare la posa delle pavimentazioni in porfido a personale competente, specializzato proprio in questo tipo di materiale. Solo chi conosce perfettamente questa pietra, sa che è necessario dapprima accertarsi delle caratteristiche del terreno, dopodiché, proprio in base alle sue caratteristiche, deve essere preparato un sottofondo adatto. La scelta migliore è quella di realizzare un massetto in calcestruzzo, operazione che deve essere eseguita tenendo conto anche della giusta pendenza da dare alla pavimentazione per avere un corretto deflusso delle acque piovane.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!