Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!





Titoli di Stato
Titoli di Stato

Titoli di Stato: ecco cosa sono e a cosa servono

Quando si fanno degli investimenti importanti, sia in maniera classica, si tramite trading online; oppure quando si vuole cercare di comprendere a fondo l'economia di un Paese, è necessario informarsi bene sui diversi fattori che lo influenzano, in primis l'economia stessa dello Stato in questione. È importante poi sapere come si sviluppa l'andamento della borsa, quale è la situazione del bilancio nazionale e quali sono gli indici e i valori da tenere in considerazione per comprendere a fondo la situazione e per fare degli ottimi investimenti.

Indici come lo Spread, i Bot, l' Euribor, l'Irs, lo Spread Bund ecc., sono valori fondamentale e molto seguiti dagli Stati e anche da chi investe in borsa. Molto importanti in tal senso, soprattutto in questo periodo di crisi economica che sta attraversando l'Italia e molti altri Paesi del Mondo,sono inoltre i Titoli di Stato.

Titoli di Stato: conosciamoli insieme

I Titoli di Stato nascono proprio per arginare il debito pubblico di uno Stato e sono delle obbligazioni che lo stesso produce attraverso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, proprio per cercare di sopperire allo stato di crisi che la Nazione sta affrontando. Possono rappresentare un credito in due modi differenti ovvero attraverso il pagamento di cedole fisse o variabili oppure mediante quello che viene definito in gergo “scarto di emissione” che si calcola sottraendo il prezzo di acquisto/emissione dell'obbligazione stessa con il valore minimale.

I Titoli di Stato si acquistano durante un asta quando vengono emessi oppure grazie ad un intermediario finanziario in un secondo momento. Quando l'obbligazione scade, lo Stato darà a chi ha comprato il Titolo di Stato stesso una somma utile al rimborso del capitale prestato in precedenza.

Quali sono i principali

I Titoli di Stato possono essere differenti e variano in base agli interessi da dare al creditore, alla scadenza degli stessi a al loro modo di pagamento. Esistono infatti cinque Titoli di Stato emessi che sono:

  • I BOT (Buoni ordinari del Tesoro): durano tre, sei oppure dodici mesi e non hanno cedole.

  • I CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon): che sono della durata di ventiquattro mesi e senza cedole.

  • I BTP (Buoni del Tesoro Poliennali): di tre, cinque, dieci, quindici e trenta anni e che hanno cedole fisse semestrali.

  • I CCT (Certificati di Credito del Tesoro): che durano sette anni con cedole variabili semestrali e il loro rendimento dipende dai BOT di sei mesi.

  • I CCTeu: emessi dall'estate 2010 e che dipendono dal tasso euribor.


Desideri pubblicare sul blog? REGISTRATI GRATUITAMENTE e proponi i tuoi articoli!